Statistica, Studi e Ricerche

Home ›› Argomenti ›› Statistica, Studi e Ricerche ›› Eventi ›› Educare alla Parità

Educare alla Parità

Faenza, sede: Faventia Sales, Facoltà di infermieristica
Evento concluso. (11/12/2018) Pubblicati gli atti dell'evento.

IMG-20181120-WA0028

Tanti i consigli e le nozioni date ai ragazzi che hanno partecipato agli incontri del progetto “Educare alla Parità” nato dalla collaborazione di Provincia di Ravenna, Agenzia regionale per il Lavoro Regione Emilia-Romagna, Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna – Dipartimento Sanità Pubblica, Camera di Commercio di Ravenna, Regione Emilia-Romagna, MIUR-Ufficio X e Tavolo Lavoro, Salute, Conciliazione delle donne, promosso dalla Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna e di Regione Emilia-Romagna Sonia Alvisi.

 

”Educare alla parità” è una lezione multidisciplinare, una lezione di vita in cui vengono acquisite conoscenze e competenze per far sì che i ragazzi diventano cittadini consapevoli, capaci di rispettare se stessi e gli altri.” ribadisce la Consigliera della Provincia di Ravenna Maria Luisa Martinez durante gli incontri tenuti a Ravenna il 23 ottobre e a Lugo il 20 novembre 2018 “Un genere (che sia uomo o che sia donna) non deve prevaricare sull’altro. Uomini e donne hanno le stesse possibilità, le stesse capacità, la stessa parità di diritti”

 

“Educare alla parità è un progetto per prevenire la disparità di genere. Un lavoro importante per capire quale sia la posizione della donna o dell’uomo nella società, per capire quali siano ancora le difficoltà che le donne incontrano per affermarsi, per ricordare che uomini e donne hanno gli stessi diritti.” replica l’Assessore del Comune di Lugo con delega alla Cultura, Politiche giovanili, Biblioteche e musei, Pari opportunità Anna Giulia Gallegati presente all’incontro del 20 novembre 2018 a Lugo “Nella vita importa la testa, il genere deve essere un concetto superato. Tutti siamo uguali, tutti abbiamo un cervello: abbiamo solo un modo diverso di affrontare la vita. Le persone (tutte) devono valere esclusivamente per le proprie capacità”.

 

“Statistica è conoscenza. Si parte dall’ottica delle conoscenze, dal riconoscere le differenze, per rispettare le capacità di tutti. Ogni persona è unica. Occorre rispettarne la sua unità, nonché rispettarne la sua complessità all’interno della società” aggiunge la Sindaca Paola Pula con delega alle Pari Opportunità per la Bassa Romagna, che ha risposto alle domande dei ragazzi dell’Istituto Stoppa di Lugo “La Bassa Romagna si sta impegnando nell’offrire un servizio di protezione alle donne che subiscono violenza, cercando di offrire un migliore aiuto grazie alla collaborazione di enti, istituzioni e centri antiviolenza. Importanti anche le azioni positive per l’attuazione delle buone pratiche e la crescita culturale tra cui l’adesione alla Carta Europea per la parità e l’uguaglianza di donne e uomini, con l’obiettivo di introdurre la parità di genere nella vita di tutti i giorni in ambito locale”.

 

“Importanti obiettivi sono stati raggiunti in Regione Emilia-Romagna con la LEGGE REGIONALE 27 giugno 2014, n. 6 nata con l’obiettivo di rimuovere ogni forma di disuguaglianza pregiudizievole e discriminazione nei confronti di donne. La Regione agisce contro la violenza di genere. Elabora politiche di prevenzione al fine di contrastare le disparità. Il lavoro statistico previsto anche nel progetto Educare alla parità serve per riflettere sulle azioni da intraprendere e per indirizzare le politiche”. Ribadisce la Consigliera di Parità della Provincia di Ravenna e di Regione Emilia-Romagna Sonia Alvisi. “Nonostante gli importanti risultati di questa Regione, sussistono ancora azioni di disparità: sono maggiori le donne in ambito lavorativo inquadrate con contratti precari, a tempo determinato; in ruoli apicali arrivano pochissime donne; restano ancora pochi gli uomini nel mondo lavorativo della scuola. Occorre pertanto riflettere, per cercare di percorrere assieme (uomini e donne) un cammino per un cambiamento culturale, per superare gli stereotipi di genere, per cambiare le situazioni di disparità nel paese, per diminuire il tema della violenza di genere.”

 

Questi alcuni temi affrontanti nel progetto Educare alla parità, rivolto alle scuole secondarie di II grado, nato con l’obiettivo di: fornire un quadro informativo utile per riflettere sul tema della parità e sviluppare un sapere critico, che spinga ad interrogarsi e a reinterpretare con spirito nuovo il rapporto uomo/donna, affinché tutti gli esseri umani abbiano la stessa dignità indipendentemente dal sesso.

L'evento è concluso. Per informazioni e materiale dell'evento si rimanda alle pagine del progetto.

Programma della giornata (1,04 MB - PDF)

 

Per informazioni:

Provincia di Ravenna – Servizio Ricerca ed Innovazione Statistica - 0544/258466

statistica@mail.provincia.ra.it