Istruzione

Home ›› Argomenti ›› Istruzione ›› Integrazione scolastica per alunni disabili

Integrazione scolastica per alunni disabili

Integrazione-disabili

La Provincia coordina la rete territoriale per assicurare l'integrazione e l'inclusione degli studenti disabili nella scuola e favorisce un più valido inserimento scolastico e formativo per gli alunni disabili, raccordando il ruolo dei diversi soggetti secondo le proprie competenze e secondo una filosofia che mette al centro il disabile e la sua famiglia. Le azioni della Provincia sono definite da un accordo di programma per il coordinamento e l'integrazione dei servizi previsto dalla Legge n.104/92 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate).

 

 

Il testo dell'accordo attualmente in vigore è stato deliberato con atto del Consiglio Provinciale n. 14 del 7 aprile 2017 e pubblicato sul Bollettino Ufficiale Regionale n. 308 del 15 novembre 2017. Il testo dell'accordo è stato discusso ed elaborato dal Gruppo Tecnico di Lavoro costituito da:

  • Provincia di Ravenna,
  • Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna - Ufficio X (ambito territoriale di Ravenna),
  • Comuni e Unioni dei Comuni del territorio provinciale,
  • Azienda USL della Romagna,
  • Istituzioni Scolastiche Autonome,
  • con l'adesione della Federazione Italiana Scuole Materne - FISM.

 

L'accordo ha validità quinquennale (2016-2020) e si rivolge a tutti coloro che intervengono nell'integrazione degli studenti disabili nella scuola di ogni ordine e grado.

 

I sottoscrittori dell’accordo si impegnano a:

  • valorizzare il rapporto tra qualità della vita e il successo formativo degli alunni con disabilità, assumendo la qualità dell’inclusione scolastica e formativa come elemento essenziale del più ampio progetto di vita individuale ;
  • promuovere la centralità dell’alunno e dei titolari della responsabilità genitoriale all’interno della rete istituzionale pubblica dei sostegni, rete da rendere sempre più disponibile, coesa e trasparente;
  • integrare l’azione dei diversi soggetti istituzionali che compartecipano al processo di inclusione attraverso la chiara attribuzione di competenze, azioni e modalità di collaborazione.

 

L’accordo promuove un sistema di governance composto dai soggetti che concorrono all’inclusione scolastica e sociale degli studenti disabili. Il sistema di governace è organizzato su due livelli: provinciale e d'ambito distrettuale.

 

Nel territorio provinciale sono presenti due Centri di supporto tecnico, strumenti di informazione, formazione e consulenza ai docenti e ai genitori di bambini disabili:

il Centro Risorse per l'Handicap e lo Svantaggio (C.R.H. e S.) e il Centro Territoriale di Supporto (C.T.S)

Documenti