Europa e relazioni internazionali

Home ›› Argomenti ›› Europa e relazioni internazionali ›› Gemellaggi e patti d'amicizia ›› Celebrazioni per i quarant'anni di amicizia tra la provincia e la città croata di Dubrovnik

Celebrazioni per i quarant'anni di amicizia tra la provincia e la città croata di Dubrovnik

 

dubrovnik

Il 29 settembre 1967, l'allora presidente della Provincia Giuseppe Gambi (in carica dal 15 marzo 1965 al 10 maggio 1968) e il Sindaco di Dubrovnik (Croazia), Nikola Grill, sottoscrissero il gemellaggio tra le rispettive istituzioni i cui territori s'affacciano sul mare Adriatico.

"Prendiamo impegno di sviluppare ogni iniziativa atta a mantenere legami permanenti fra le rispettive comunità amministrate, a favorire una reciproca conoscenza e una diretta collaborazione sui singoli problemi di carattere economico, sociale e culturale e a contribuire al crearsi di una salda amicizia tra le gent"i - si legge nel protocollo del 1967 che si chiude con queste parole: "Il presente patto, suggellato fra due enti territoriali appartenenti a Paesi con struttura sociale diversa, acquista valore nell'affermazione dei principi di democrazia, di autodecisione e di pacifica coesistenza".

Quarant'anni dopo, il 25 maggio alle ore 15.30, presso il Palazzo della Provincia, si terrà una seduta straordinaria del consiglio alla presenza degli ex presidenti della Provincia, in ordine cronologico: Decimo Triossi, Ettore Zannoni, sen. Mario Li Vigni, Adriano Guerrini, Giannantonio Mingozzi, Dante Maioli e on. Gabriele Albonetti.

dubrovnik-2

Nel corso della seduta solenne, prenderanno la parola: il presidente della Provincia, Francesco Giangrandi, la presidente del consiglio provinciale, Elena Rambelli, il sindaco di Dubrovnik, Dubravka Šuica, e Klaus Pavel, il presidente dell'Ostalbkreis (Germania).

Saranno presenti alla seduta: il deputato al Bundestag, Georg Brunnhuber; il vicesindaco di Dubrovnik, Nike Sudarevic, assessore alla pianificazione e protezione dell' ambiente; il Sindaco di Pola (Croazia), Boris Miletic.

L'inizio della seduta solenne sarà preceduto, come avvenne quarant'anni fa a Dubrovnik, da un'esibizione (inizio ore 15), nella sottostante Piazza San Francesco, del gruppo musici e sbandieratori del Rione Rosso di Faenza, nato negli anni Sessanta e conosciuto in tutt'Europa, davanti a 100 alunni della scuola elementare San Vincenzo de' Paoli di Ravenna.

Il calendario dei festeggiamenti per il 40° del gemellaggio prevede anche, in collaborazione con l'associazione Collegium Musicum Classense e i Comuni di Cervia e di Ravenna, due concerti del coro Libertas di Dubrovnik diretto da Viktor Lenert. Il primo a Milano Marittima, presso la chiesa Stella Maris (in via III traversa), alle ore 21 di venerdì 25; il secondo a Ravenna, presso la Basilica di Santa Maria Maggiore (in via Galla Palcidia), alle ore 21 di sabato 26 maggio. L'ingresso è gratuito.

 

 

“Le città di Ravenna e di Dubrovnik hanno entrambe ricevuto il riconoscimento dell’ Unesco come città patrimonio dell’umanità. Inoltre, la Municipalità di Dubrovnik è partner della nostra Provincia in diversi progetti finanziati con il programma comunitario INTERREG IIIA Transfrontaliero Adriatico 2000-2006", spiega il presidente Giangrandi.

Si tratta del Progetto B.A.R.C.A. relativo alla ricerca e conservazione dei Beni archeologici dell’Adriatico. Poi c’è il Progetto INFIORE, finalizzato alla messa in rete di territori dell’area adriatica per un’azione comune sul tema del verde urbano come elemento importante per la qualità urbana, per uno sviluppo maggiormente sostenibile e per una promozione turistica integrata delle città della regione adriatica. Questo progetto è già avviato e dal 25 maggio tutti partner del progetto si ritroveranno a Cervia per la manifestazione “Adriatico in Fiore”.

“Dubrovnik e Provincia collaborano nel Progetto NAP, relativo alla valorizzazione delle aree Parco dell’Adriatico, tra cui le riserve naturali presso Dubrovnik. Obiettivo principale del progetto è la valorizzazione della vocazione eco-turistica e la fruizione eco-compatibile aumentando l’attrattività della regione adriatica. Infine, il Progetto FARE-ADRI col quale s’intende contribuire al rafforzamento della rete istituzionale dei rapporti al fine di facilitare l’integrazione europea dei paesi dell’aerea balcanica. Il progetto prevede la realizzazione di alcuni seminari presso i paesi partner dell’area balcanica al fine di individuare nel corso del 2007 le idee progettuali per la presentazione di progetti congiunti sui prossimi bandi del nuovo programma di cooperazione transfrontaliero Adriatico 2007-2013 (IPA). A seguito del kick-off meeting organizzato dalla Regione Emilia-Romagna (lead partner del progetto) è stato fissato l’incontro a Dubrovnik per il mese di ottobre su tre importanti tematiche: turismo, cultura e trasporti (sia aereo che marittimo)”.