Altri servizi

Home ›› Altri servizi ›› Protezione civile

Protezione civile

 

 

logo protezione civile Ravenna

A partire da maggio 2016, dopo un prima fase riorganizzativa,le competenze in materia di Protezione Civile e le competenze gestionali in materia di Attività Estrattive delle nove Province confluiscono nell'Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, in applicazione della L.R. 13/2015, che a sua volta rispondeva alle richieste della legge 56/2014 (legge Delrio) ed aveva segnato l’avvio del processo di superamento delle Province.

Sono operativi dal 1° maggio 2016 tre nuovi Servizi dell’Agenzia regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione civile:

  • Servizio Area Romagna (Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini)
  • Servizio Area Affluenti Po (Piacenza, Parma, Modena e Reggio Emilia)
  • Servizio Area Reno e Po di Volano (Bologna e Ferrara).

 

Ai tre nuovi servizi dell’Agenzia fanno capo la gestione delle attività, trasferite dalle Province, di protezione civile e di supporto ai Comuni per la pianificazione, gestione ed il superamento delle emergenze; la gestione operativa, in emergenza, delle componenti del sistema regionale di protezione civile, compreso il volontariato.

Rispetto all'attività estrattiva – una nuova competenza per la protezione civile regionale – i due servizi si occupano ora dei procedimenti relativi a questa materia; del rilascio di pareri (in sostituzione della Commissione Tecnica Infraregionale per le attività Estrattive, abolita con LR 9/2016) e autorizzazioni estrattive; dell’aggiornamento del Catasto delle attività estrattive. Svolgono infine attività di vigilanza in materia di polizia mineraria e gestione dei relativi adempimenti tecnici, amministrativi, di controllo e sanzionatorio.

 

Per coloro che dovranno inviare una PEC per tali autorizzazioni e concessioni o per altre comunicazioni occorre utilizzare la seguente pec:

 

 

 

Chi è la Protezione Civile?

Il termine spesso crea confusione proprio perché c’è chi lo associa al Dipartimento Nazionale, ente a maggiore visibilità attraverso i media, e c’è chi invece lo associa al volontariato.

Questi sono due elementi di una struttura ben più complessa. Si è soliti parlare di “Sistema di Protezione Civile” e gli ambiti in cui questa organizzazione opera sono solitamente quello regionale ma ancora di più quello provinciale e comunale.

Da qui nasce l’importanza della Provincia proprio perché ha molte competenze in un ambito territoriale ottimale (il territorio provinciale) che coincide con quello su cui opera lo Stato attraverso il Prefetto. La Prefettura, per le proprie specifiche competenze in materia di gestione delle forze dell’ordine, di difesa civile e di protezione civile, è uno dei cardini per la gestione dell’emergenze.

Al “Sistema di Protezione Civile” partecipano numerosi soggetti, così come definiti dalla vigente normativa in materia.

All'attuazione delle attività di protezione civile (L.225/92, all’art.6, commi 1 e 2) provvedono, secondo i rispettivi ordinamenti e le rispettive competenze:

 

  • le Amministrazioni dello Stato;
  • le Regioni;
  • le Province;
  • i Comuni;
  • le Comunità montane;

e vi concorrono gli enti pubblici, gli istituti ed i gruppi di ricerca scientifica con finalità di protezione civile, nonché ogni altra istituzione ed organizzazione anche privata. Concorrono, altresì, all'attività di protezione civile i cittadini ed i gruppi associati di volontariato civile, nonché gli ordini ed i collegi professionali.

Parte preponderante, specie nelle attività di emergenza, la ricoprono quegli Enti che, così come all’art.7 della L.225/92, vengono definiti Strutture Operative Nazionali:

  • il Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
  • le Forze armate;
  • le Forze di polizia;
  • il Corpo forestale dello Stato;
  • i Servizi tecnici nazionali;
  • i gruppi nazionali di ricerca scientifica di cui all'articolo 17, l'Istituto nazionale di geofisica ed altre istituzioni di ricerca;
  • la Croce rossa italiana;
  • le strutture del Servizio sanitario nazionale;
  • le organizzazioni di volontariato;
  • il Corpo nazionale soccorso alpino-CNSA (CAI).

 

Che cos’è la Protezione Civile: attività del “Sistema Regionale” (L.R.1/2005)

Sono attività del sistema regionale di protezione civile quelle dirette a:

  • elaborazione del quadro conoscitivo e valutativo dei rischi presenti sul territorio regionale necessario per le attività di previsione e prevenzione con finalità di protezione civile;
  • preparazione e pianificazione dell'emergenza, con l'indicazione delle procedure per la gestione coordinata degli interventi degli enti e delle strutture operative preposti, nonché delle risorse umane e strumentali necessarie;
  • formazione e all'addestramento del volontariato e degli operatori istituzionalmente impegnati in compiti di protezione civile;
  • informazione della popolazione sui rischi presenti sul territorio;
  • allertamento degli enti e delle strutture operative di protezione civile nonché della popolazione, sulla base dei dati rilevati dalle reti di monitoraggio e sorveglianza del territorio e dei dati e delle informazioni comunque acquisiti;
  • soccorso alle popolazioni colpite mediante interventi volti ad assicurare ogni forma di prima assistenza;
  • fronteggiare e superare l'emergenza, mediante:
    - interventi di somma urgenza e interventi urgenti di primo ripristino dei beni e delle infrastrutture danneggiati;
    - iniziative ed interventi necessari per favorire il ritorno alle normali condizioni di vita;
    - concorso agli interventi per la riduzione e la mitigazione dei rischi ai fini di protezione civile.

Le Competenze dirette della Provincia

 

 

LINK

 

(Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2014)